Il tappeto sardo

La tradizione della tessitura dei tappeti sardi è notoriamente antichissima. Un tempo le donne dell’omonima isola producevano i loro tappeti per portarli in dote una volta che si sarebbero sposate e quindi il tappeto sardo nasce come elemento decorativo dell’austera cassapanca. Questa antica funzione ne spiega la struttura costituita fondamentalmente da una sezione con figure geometriche e due falde laterali che servono da ornamento. L’arte della tessitura dei tappeti sardi è stata tramandata di madre in figlia e nei tempi recenti è stata un’importante fonte di sostentamento per molte famiglie.

 

Le tecniche usate per la creazione dei tappeti sono quella a grani, detta “pibiones” e quella “un in dente” (effetto trama). I vari ti pi di decorazioni comprendono motivi che si rifanno alla natura: come “Sa mustra de su sole”, in altri disegni ricorrono gli elementi floreali e simboli che riportano a figure mitologiche di antica origine, come del resto è antichissima la storia della civiltà sarda.

 

Con il passare del tempo il tappeto sardo ha aquisito sempre maggior pregio e oggi sono diventati oggetto di arredamento per ambienti sia classici che moderni.

Disponibili nelle classiche misure standard: am 60×90 – 60×120 – 60×180 – 120 x 180

Ecco uno splendido tappeto che potete trovare nel nostro punto vendita. (mis. am 120×180)

 
Sito Web creato con MySito.Info © 2010